MENU

Che facciano bene alla salute era già noto da tempo, considerato il loro contenuto di vitamine, minerali, fibre e grassi insaturi. Ma la frutta secca è da sempre considerata “off limits” per chi teme di mettere su peso. In realtà, un consumo moderato avrebbe l’effetto opposto. Uno studio guidato da Deirdre K Tobias della Harvard University T H Chan School of Public Health di Boston, pubblicato sul BMJ Nutrition, Prevention & Health, suggerisce che qualche noce o nocciolina può aiutare a contrastare l’accumulo di peso che solitamente avviene con il passare degli anni. Gli adulti, in media, tendono ad ingrassare di mezzo chilo all’anno.

Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno registrato per oltre 20 anni, a intervalli di 4 anni, il peso e il consumo di frutta secca di oltre 140mila professionisti americani in ambito sanitario. Sono stati presi in considerazioni altri fattori, come l’attività fisica media dei partecipanti tramite questionari sottoposti ogni due anni circa. I risultati hanno mostrato innanzitutto che tra i partecipanti è stato registrato un aumento nel consumo di frutta secca. Il loro consumo giornaliero, rispetto al passato, è triplicato se non addirittura quadruplicato. Mediamente, ogni anno questo era associato all’acquisto di circa 0,3 chilogrammi di peso. Ma in realtà i ricercatori hanno osservato che chi consumava quotidianamente mezza porzione in più, pari 14 grammi, circa la metà della dose raccomandata dalla maggior parte dei nutrizionisti, rendeva meno peso nel giro di 4 anni. Ad esempio,  l’associazione era di -0,19Kg per la frutta secca in generale, -0,37 kg per le noci e -0,15kg per le noccioline. Inoltre, gli studiosi hanno rilevato che coloro che da niente iniziavano a consumare almeno mezza porzione di frutta secca portava alla fine a un peso inferiore di quasi un chilo nel giro di 4 anni.

In generale, il consumo di frutta secca è risultato abbassare il rischio obesità del 15%. “L’aumento complessivo nei consumi di frutta secca di qualsiasi tipo si associa a un minor rischio di accumulare peso sul lungo termine e di sviluppare obesità”, spiegano i ricercatori. “Il nostro studio fornisce dati scientifici alle attuali linee guida che enfatizzano l’importanza di includere la frutta secca come parte di una dieta sana per la prevenzione primaria dell’aumento di peso sul lungo termine e l’obesità”, aggiungono. L’ideale sarebbe sostituire i cibi poco salutari con della frutta secca. Tuttavia, è bene non eccedere. Più precisamente vanno bene circa 30 grammi al giorno. I ricercatori, al momento, non hanno capito in che modo il consumo di frutta secca può aiutare a non prendere peso. Tra le ipotesi c’è quella secondo cui il consumo di questi alimenti siano legati a comportamenti più salutari. Il contenuto di fibre, così come il doverli masticare più a lungo, favorirebbe il senso di sazietà.