MENU

CONOSCI I PRINCIPI ATTIVI

 Il principio attivo è il vero cuore del farmaco, la sostanza con il potere terapeutico.
Vuoi sapere quali sono i principi attivi alla base dei medicinali più usati?
In questa sezione puoi trovare tutte le informazioni sui principi attivi utili al trattamento delle patologie più comuni.

Profilassi e trattamento dell'angina pectoris sia da sforzo che a riposo, associata o conseguente ad insufficienza coronarica.
Cerotti transdermici

A che cosa serve

La nitroglicerina è un farmaco appartenente alla categoria dei nitrati, sostanze che, grazie alla liberazione di ossido nitrico, rilasciano la muscolatura liscia e dilatano le arterie coronariche in caso di angina. È utilizzato come medicinale in cardiologia per la profilassi e per il trattamento delle forme di angina pectoris.

Quanto ne serve

Si raccomanda di iniziare il trattamento con un cerotto di nitroglicerina 5 mg al giorno, con successivo aumento della dose: nitroglicerina 10 mg o eventualmente nitroglicerina 15 mg, se necessario.

Come e quando si prende

Si raccomanda di applicare quotidianamente il cerotto a rilascio transdermico di nitroglicerina con un intervallo libero di 8-12 ore. La sede di applicazione va cambiata regolarmente per evitare fenomeni di irritazione locale.

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

Nitroglicerina può indurre cefalea dose dipendente, dovuta a vasodilatazione cerebrale, che spesso scompare dopo pochi giorni nonostante la prosecuzione della terapia. E’ comune anche l’induzione di nausea e talvolta vomito. Dopo la rimozione del cerotto, gli effetti di leggero arrossamento della cute scompaiono generalmente in poche ore.
Effetti indesiderati che possono manifestarsi soprattutto all'inizio del trattamento sono quelli a carico dell’apparato cardiovascolare come ipotensione (specialmente ortostatica), tachicardia, lipotimie (sensazione di svenimento), palpitazioni, vampate di calore e vertigini.
La nitroglicerina non dovrebbe essere somministrata in gravidanza, specialmente durante il primo trimestre.
L’uso contemporaneo di nitroglicerina e di altri vasodilatatori (ad es. inibitori PDE5 come il sildenafil), potenzia gli effetti ipotensivi di nitroglicerina. Il trattamento contemporaneo con calcio antagonisti, beta bloccanti, ACE inibitori, neurolettici, diuretici, antiipertensivi, antidepressivi triciclici e tranquillanti maggiori, così come il consumo di alcool, può aumentare l’effetto ipotensivo della nitroglicerina.
I farmaci antiinfiammatori non steroidei, ad eccezione dell'acido acetilsalicilico, possono diminuire la risposta terapeutica alla nitroglicerina.