BUDESONIDE


BUDESONIDE

Trattamento regolare dell'asma persistente.
200 microgrammi polvere per inalazione

A che cosa serve

Budesonide è un farmaco cortisonico utilizzato per il trattamento regolare (detto anche di fondo) dell’asma bronchiale e non è indicato per il trattamento degli episodi acuti della malattia.

Quanto ne serve

Negli adulti (compresi gli anziani) e nei bambini/adolescenti di età superiore a 12 anni la dose iniziale raccomandata è di 200- 400 microgrammi una o due volte al giorno. La dose massima raccomandata è di 800 microgrammi due volte al giorno.
Nei bambini di età compresa tra i 6 e i 12 anni la dose iniziale raccomandata è di 200 microgrammi due volte al giorno oppure 200 –400 microgrammi una volta al giorno. La dose massima raccomandata è 400 microgrammi due volte al giorno.

Come e quando si prende

Nel caso si prenda una sola volta al giorno, la dose va assunta la sera. Durante il suo utilizzo, l'inalatore va tenuto sempre in posizione orizzontale. Rimuovere innanzitutto il cappuccio protettivo. Premere a fondo il tasto colorato. Un sonoro doppio scatto sarà percepibile e il colore della finestra di controllo (inferiore) passerà dal rosso al verde. Rilasciare quindi il tasto colorato. Il colore verde nella finestra indica che l'inalatore è pronto per l'uso.
Espirare il più possibile (ma non nell'inalatore per polvere). Posizionare le labbra intorno al boccaglio. Inalare la polvere con un profondo respiro. Durante tale respiro dovrà essere percettibile un sonoro scatto, a conferma della corretta inalazione. Trattenere il respiro per pochi secondi e quindi riprendere una respirazione normale. Riposizionare il cappuccio protettivo sul boccaglio; la procedura di somministrazione è ora completa. Il numero che compare nella finestra superiore indica le dosi residue nell'inalatore. Il tasto colorato va premuto soltanto immediatamente prima dell'inalazione.

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

Con l’uso di budesonide possono comunemente verificarsi lievi irritazioni a carico delle mucose, accompagnate da irritazione della gola, raucedine e tosse. La suscettibilità ad infezioni, in particolare candidosi orale, può essere aumentata. La capacità di adattamento allo stress può essere diminuita. Farmaci antifungini, per esempio ketoconazolo, itraconazolo, e farmaci contro l’HIV, come gli inibitori delle proteasi, possono incrementare di diverse volte i livelli plasmatici di budesonide.
la somministrazione di budesonide durante la gravidanza richiede che i benefici per la madre devono essere valutati rispetto ai rischi per il feto. Budesonide polvere per inalazione può essere utilizzato durante l'allattamento.

BUDESONIDE sospensione per nebulizzatore

Trattamento dell'asma bronchiale persistente in pazienti nei quali l'uso di un inalatore a pressione o la formulazione in polvere sono insoddisfacenti o inappropriati
0,5 mg/ml sospensione per nebulizzatore

A che cosa serve

Budesonide è un farmaco cortisonico utilizzato per il trattamento dell'asma bronchiale persistente in pazienti nei quali l'uso di un inalatore a pressione o la formulazione in polvere sono insoddisfacenti o inappropriati.

Quanto ne serve

La dose viene somministrata due volte al giorno. La somministrazione una volta al giorno può essere presa in considerazione nei casi di asma stabile da lieve a moderato.
La dose iniziale deve essere adeguata alla gravità della malattia ed in seguito deve essere aggiustata su base individuale. Sono raccomandate le seguenti dosi ma deve essere sempre ricercata la dose minima efficace.
Bambini di età da 6 mesi in su: 0,25 – 1,0 mg al giorno. Adulti (inclusi gli anziani) e bambini/adolescenti di età superiore ai 12 anni: 0,5 – 2,0 mg al giorno. Nei casi molto gravi il dosaggio può essere ulteriormente incrementato.
La dose di mantenimento deve essere aggiustata alle esigenze di ogni paziente tenendo conto della gravità della malattia e della risposta clinica del paziente.

Come e quando si prende

Budesonide 0,5 mg/ml sospensione per nebulizzatore deve essere somministrato mediante un nebulizzatore pneumatico, dotato di boccaglio o mascherina. Il nebulizzatore deve essere collegato ad un compressore d'aria con adeguato flusso d'aria (5-8 l/min.), e il volume di riempimento deve essere di 2-4 ml. Ci può essere una variazione nelle prestazioni (rilascio della dose) tra i vari nebulizzatori, anche se sono della stessa marca e modello. Agitare il contenitore spray prima dell'uso. Lavare il viso dopo l'uso del nebulizzatore con mascherina per prevenire l'irritazione della pelle del viso. Pulire il nebulizzatore dopo l'uso. Lavare il nebulizzatore e il boccaglio o mascherina in acqua tiepida con un blando detergente secondo le istruzioni del produttore. Risciacquare bene e asciugare collegando il nebulizzatore al compressore o alla presa d'aria

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

Il trattamento con budesonide per inalazione può risultare in una infezione da candida nell'orofaringe. L'esperienza ha mostrato che l'infezione da candida si presenta con minore frequenza quando l'inalazione viene effettuata prima dei pasti e/o quando la bocca viene sciacquata dopo l'inalazione. Altri effetti comuni sono raucedine e tosse.
Per ridurre il rischio di candidosi orale e raucedine è importante sciacquare la bocca in modo appropriato o lavare i denti dopo ogni somministrazione del corticosteroide da inalazione. Le candidosi possono essere controllate rapidamente attraverso un trattamento antifungino senza la necessità di interrompere il trattamento di budesonide per inalazione.
Gli effetti sistemici dei corticosteroidi per inalazione si possono presentare, soprattutto se vengono prescritte alte dosi per periodi prolungati. Questi possono includere soppressione surrenalica, ritardo della crescita nei bambini e negli adolescenti, diminuzione della densità dei minerali nelle ossa, cataratta e glaucoma e predisposizione alle infezioni.
I farmaci antifungini come ketoconazolo e itraconazolo, alcuni antibiotici come eritromicina e claritromicina e alcuni farmaci contro l’HIV come ritonavir e saquinavir se somministrati in concomitanza a budesonide possono aumentare l’effetto di quest’ultimo.

BUDESONIDE spray nasale

Rinite allergiche stagionali, riniti perenni allergiche e non allergiche. Trattamento della poliposi nasale. Profilassi delle recidive della poliposi nasale dopo polipectomia.
Sospensione spray nasale 50-100 mcg

A che cosa serve

Per il trattamento delle riniti, negli adulti e nei bambini oltre i 6 anni di età la dose raccomandata è di due somministrazioni da 50 microgrammi per ogni narice (100 microgrammi/narice) due volte al dì, mattino e sera, oppure, due somministrazioni da 100 microgrammi per ogni narice (200 microgrammi/narice) una volta al dì, al mattino. Per il trattamento e la prevenzione della poliposi nasale si devono usare 200 microgrammi (100 microgrammi/narice) due volte al dì.

Quanto ne serve

Per il trattamento delle riniti, negli adulti e nei bambini oltre i 6 anni di età la dose raccomandata è di due somministrazioni da 50 microgrammi per ogni narice (100 microgrammi/narice) due volte al dì, mattino e sera, oppure, due somministrazioni da 100 microgrammi per ogni narice (200 microgrammi/narice) una volta al dì, al mattino.
Per il trattamento e la prevenzione della poliposi nasale si devono usare 200 microgrammi (100 microgrammi/narice) due volte al dì.

Come e quando si prende

Il pieno effetto terapeutico di budesonide spray nasale viene raggiunto solo dopo alcuni giorni di trattamento (in rari casi non prima di due settimane).Il trattamento delle riniti allergiche stagionali dovrebbe essere iniziato prima dell'esposizione agli allergeni. Una terapia concomitante, per esempio con antistaminici, può talvolta rendersi necessaria per controllare i sintomi oculari di natura allergica.

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

Un effetto che può verificarsi con l’uso di steroidi per via nasale è la comparsa di sanguinamento dal naso (epistassi) e irritazione della mucosa nasale. Altri effetti meno frequenti e nei casi di utilizzo per lungo tempo di cortisonici per via nasale, sono quelli a carico di altri organi e sistemi come la riduzione/soppressione dell’attività delle ghiandole surrenali, ritardo di crescita nei bambini, cataratta e glaucoma.
I farmaci antifungini come ketonazolo e itraconazolo possono potenziare significativamente l’effetto di budesonide spray nasale e quindi non dovrebbero essere assunti in concomitanza.
La somministrazione di budesonide durante la gravidanza richiede un'attenta valutazione del rapporto beneficio per la madre e rischio per il feto.


A cura di HPS Health Publishing and Services. Scheda aggiornata il 3 marzo 2015

Principi attivi

Benvenuto nella nuova sezione di equivalente.it in cui puoi conoscere i principi attivi che sono alla base dei medicinali più utilizzati.
Puoi cercare direttamente un principio attivo nella casella di ricerca a destra oppure scegliere un'area terapeutica dall'elenco sottostante o dal menù di sinistra e scoprire i principi attivi a essa pertinenti.

Salvadanaio della salute
I salvadanai della salute

Scopri giorno per giorno il prezzo della differenza

Guarda il tuo risparmio
Salvadanaio della salute
La famiglia equivalente

Quanto risparmia
la famiglia equivalente?

Vieni a scoprirlo