MENU

CONOSCI I PRINCIPI ATTIVI

 Il principio attivo è il vero cuore del farmaco, la sostanza con il potere terapeutico.
Vuoi sapere quali sono i principi attivi alla base dei medicinali più usati?
In questa sezione puoi trovare tutte le informazioni sui principi attivi utili al trattamento delle patologie più comuni.

 

I testi contenuti in questa sezione sono realizzati da Egualia e sintetizzano le informazioni sui prodotti
contenute nella pubblicazione “L’informatore farmaceutico” CODIFA (Ed. 2014).

Farmaco OTC, liberamente acquistabile senza ricetta
Sciroppo da 4 mg/5 ml

A che cosa serve

Trattamento coadiuvante delle malattie broncopolmonari acute e croniche associate ad alterazioni delle secrezioni mucose.

Quanto ne serve

Negli adulti la posologia media prevista è di 16 mg (pari a 20 ml) per 3 volte al giorno. Nei bambini il dosaggio va dimezzato (8 mg per 3 volte al giorno).

Come e quando si prende

Si assume preferibilmente dopo i pasti per ridurre i possibili disturbi gastrici.

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

Lo sciroppo a base di Bromexina aiuta a migliorare l’eliminazione delle secrezioni mucose dall’albero respiratorio fin dalle prime somministrazioni. In genere, è ben tollerato. I possibili effetti indesiderati (alterazioni dermatologiche, disturbi gastrointestinali, aumento transitorio delle transaminasi epatiche) sono rari e, comunque, lievi.

L’impiego è controindicato nei soggetti ipersensibili alla Bromexina e va utilizzato con cautela in chi soffre di ulcera o di gravi alterazioni della funzionalità del fegato.

L’uso in gravidanza è ammesso, ma dovrebbe preferibilmente avvenire sotto controllo medico. Il farmaco è sconsigliato durante l’allattamento.

Il trattamento non deve essere protratto per periodi prolungati.

Il preparato può interagire con altri farmaci. In particolare, con alcuni antibiotici (tetraciclina, ossitetraciclina, ampicillina, eritromicina e cefaclor). Per evitare inconvenienti i pazienti già in terapia con uno o più medicinali da prescrizione o da banco o che fanno uso di preparati fitoterapici dovrebbero segnalare al medico l’intenzione di assumere lo sciroppo.

Lo sciroppo va conservato a una temperatura non superiore a 25°C.