MENU

Si può proteggere il cervello intervenendo sull'intestino. Più precisamente un gruppo di scienziati dell’University College di Cork, in Irlanda, ha dimostrato che il trapianto di microbiota intestinale da un organismo giovane a uno più anziano potrebbe contrastare specifici cambiamenti nel cervello associati all'invecchiamento. Lo studio, pubblicato sulla rivista Nature Aging, è stato condotto utilizzando un modello murino. Ma i risultati sono stati sorprendenti.

Stando a quanto riferito dagli studiosi il trapianto di microbiota può avere un potenziale terapeutico contro il declino cognitivo associato all’invecchiamento. I microrganismi che vivono sul e nel corpo umano influenzano la salute in modi che variano con l’età. Il nuovo studio suggerisce che il microbiota intestinale può influenzare l’invecchiamento cerebrale e aumentare il rischio di sviluppare malattie neurodegenerative. Il team, guidato dagli studiosi John Cryan e Marcus Boehme, ha trapiantato microbi fecali dall'intestino di topi donatori giovani, di tre o quattro mesi, a esemplari anziani, di oltre 19 mesi.

Ebbene, i ricercatori hanno scoperto che i cambiamenti associati all'invecchiamento nel sistema immunitario degli animali più grandi sono stati invertiti dal trasferimento del microbiota intestinale dei topolini più giovani. Inoltre, il trapianto portava a un miglioramento nel comportamento dei riceventi, che sembravano più capaci nei test cognitivi per l'apprendimento, la memoria e l'ansia. Gli autori concludono che, sebbene siano necessari ulteriori approfondimenti, questi risultati rivelano le potenzialità del microbioma intestinale come bersaglio terapeutico per la promozione di un invecchiamento sano. "Questa nuova ricerca - dice Cryan - è un potenziale punto di svolta, poiché abbiamo stabilito che il microbioma può essere sfruttato per invertire il deterioramento del cervello legato all’età. Vediamo anche prove di una migliore capacità di apprendimento e funzione cognitiva”.

Articoli Correlati