MENU

NEWS

14 Giugno 2021
Contro la temutissima “Apocalisse antibiotica”, quel drammatico scenario che molti scienziati ritengono probabile a causa dell'aumento dei fenomeni di resistenza agli antibiotici, un aiuto potrebbe arrivare da una molecola progettata per inibire la produzione di un particolare gas da parte dei batteri. Il nuovo bersaglio individuato è l'idrogeno solforato, un gas che odora di uova marce, che svolge un ruolo fondamentale nella capacità innata dei batteri...
11 Giugno 2021
Erano malattie che nessuno è riuscito a diagnosticare prima. Molto rare per essere individuate con i sistemi “tradizionali”. Ma ora, grazie a un imponente progetto di condivisione dati, quei 255 casi clinici in tutta Europa hanno trovato un nome. A esserci riusciti è stato un gruppo internazionale di scienziati afferenti al Center for Genomic Regulation, un centro di ricerca biomedica e genomica con sede a Barcellona. I risultati sono stati descritti in...
9 Giugno 2021
Anticipare la sveglia al mattino di soli 60 minuti potrebbe avere inaspettati benefici per la nostra salute mentale. Uno studio condotto dall'Università del Colorado Boulder e dal Broad Institute of MIT e Harvard ha rilevato che alzarsi un'ora prima potrebbe ridurre il rischio di depressione del 23 per cento. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista JAMA Psychiatry.
7 Giugno 2021
Un aiuto per i malati di sclerosi multipla potrebbe arrivare da molecole già utilizzate e quindi approvate. Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell'Università di Ferrara ha scoperto che alcune molecole, tra gli antipsicotici, potrebbero arrestare i meccanismi indotti dalla malattia. I risultati della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences.
4 Giugno 2021
Una proteina ingegnerizzata in laboratorio potrebbe rappresentare una “svolta” per le persone affette da distrofia muscolare. Testata su modelli animali, infatti, la 3S-HMGB1 si è rivelata in grado di ridurre l'infiammazione e promuovere la rigenerazione dei tessuti. Gli autori dello studio, pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine, sono i ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano.
31 Maggio 2021
Le persone che tra i 45 e i 64 anni guardano con troppa frequenza la televisione hanno maggiori probabilità di sviluppare un declino cognitivo durante la vecchiaia. A rilevare questa allarmante associazione è stata una ricerca condotta dalla American Heart Association, che si è basata sull’analisi di tre studi preliminari. I risultati verranno presentati al prossimo congresso della società americana.
28 Maggio 2021
Il sogno di un vaccino efficace contro il diabete è vicinissimo alla sua realizzazione. L’iniezione della proteina glutammato decarbossilasi (GAD) si è dimostrata efficace nel prevenire il diabete di tipo 1 in un sottogruppo di individui con una specifica mutazione genetica, che caratterizza circa la metà dei pazienti. L’incoraggiante risultato, descritto sulla rivista Diabetes Care, deriva da uno studio clinico di fase II, condotto dagli scienziati...
26 Maggio 2021
Si accende una nuova speranza per i pazienti affetti da retinite pigmentosa, una patologia degenerativa che causa cecità. Un paziente non vedente, a cui è stata diagnosticata la malattia moltissimi anni fa, ha recuperato parzialmente la vista grazie all’utilizzo dell’optogenetica. Si tratta di una tecnica che permette di controllare specifiche cellule geneticamente modificate per rispondere agli impulsi di luce. Lo straordinario risultato è stato...
24 Maggio 2021
Gli sbadigli potrebbero non essere legati alla necessità di ossigenare il cervello. Una nuova ipotesi, formulata da un gruppo di scienziati dell'Università di Utrecht, suggerisce che lo scopo dello sbadiglio sia quello di abbassare la temperatura del cervello. E questo, stando a quanto riportato dalla rivista Communications Biology, varrebbe per molti animali e probabilmente anche per gli esseri umani.
21 Maggio 2021
Una nuova e promettente possibilità di cura per i bambini affetti da una malattia rara chiamata immunodeficienza combinata grave dovuta al deficit di adenosina deaminasi, più comunemente nota come Ada-Scid. Un gruppo di ricercatori del Great Ormond Street Hospital (GOSH) di Londra e dell'Università della California, Los Angeles  ha testato con successo una nuova terapia genica che si è rivelata efficace su 48 dei 50 bambini coinvolti. I risultati...