MENU

NEWS

26 Ottobre 2020
Una sola goccia di sangue. E' questo quanto basta a una nuova e più evoluta tecnica per la biopsia liquida per rilevare il cancro. A metterla a punto è stato un gruppo di ricercatori dell'Università di Catania, dell’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma e dell'Università di Parma, nell'ambito del progetto europeo “Ultraplacad”, finanziato dalla Commissione Europea all'interno del programma quadro Horizon 2020. La nuova biopsia liquida,...
23 Ottobre 2020
Potremmo definirli “tatuaggi intelligenti” perché è questo l'effetto che fanno a prima vista. Ma in realtà sono biosensori che possono essere stampati direttamente sulla pelle con lo scopo di misurare diversi parametri: dalla temperatura all'umidità fino al livello di ossigenazione del sangue e all'attività cardiaca. A metterli a punto è stato un gruppo di ricercatori coordinato da Huanyu Cheng dell’Università di Stato della Pennsylvania, in...
21 Ottobre 2020
Grazie alla ricerca sul nuovo coronavirus sono stati individuati nuovi marcatori tumorali e di altre comuni patologie. Infatti, i recettori di Sars-CoV-2, ossia le molecole che regolano l'ingresso del virus e che sono distribuiti in vari organi e tessuti, sono anche gli stessi che si trovano associati ad alcuni tipi di tumore, come pure a molte malattie quali il diabete, e le patologie cardiovascolari, cioè le principali comorbidità più spesso...
19 Ottobre 2020
Passi in avanti nell'utilizzo dei nanomateriali per la cura del cancro. Un gruppo di ricercatori dell’Università di Padova ha infatti scoperto che nanoparticelle inorganiche a base di una lega di oro e ferro, due elementi biocompatibili e quindi particolarmente adatti per applicazioni in ambito biomedico, riescono a biodegradarsi spontaneamente negli organismi viventi. Si tratta di una proprietà, descritta sulla rivista ACS Nano, che consente di...
16 Ottobre 2020
Arriva una nuova arma per combattere il dolore causato dall'endometriosi, una patologia che colpisce circa 3 milioni di donne in Italia. Si tratta di un integratore, messo a punto dalla Fondazione italiana endometriosi (https://www.endometriosi.it/la-fondazione/), che garantisce un’azione antinfiammatoria potenziata, permettendo di abbattere i principali sintomi della malattia, cioè infiammazione, crampi, pancia gonfia e stanchezza cronica. Se infatti...
14 Ottobre 2020
In futuro la strategia migliore per curare il diabete non la sceglierà il medico. O meglio, non lo farà da solo. Uno studio coordinato da Carlo Bruno Giorda, direttore della Struttura Complessa di Malattie metaboliche e Diabetologia dell’Ospedale Maggiore di Chieri, suggerisce che l'Intelligenza artificiale potrà aiutare gli specialisti a capire quali siano i fattori chiave per il raggiungimento del duplice obiettivo “controllo-metabolico” e “nessun...
12 Ottobre 2020
I nanomateriali potrebbero aiutarci a “ricucire” le lesioni al midollo spinale, ristabilendo le originarie capacità motorie. Un gruppo di ricercatori della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) e dell’Università di Trieste ha utilizzato per la prima volta impianti di nanomateriali in animali sottoposti a lesione spinale, osservando la ricrescita delle fibre nervose e il ripristino delle funzionalità motorie. La ricerca, pubblicata...
9 Ottobre 2020
Anche se le tecnologie digitali hanno migliorato significativamente le nostre vite, abbiamo ancora bisogno delle care vecchie carta e penna. Uno studio della Norwegian University of Science and Technology ha dimostrato infatti che la tradizionale scrittura a mano aiuta a imparare e a memorizzare di più e meglio. I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Frontiers in Psychology e potrebbero avere implicazioni importanti in una società...
7 Ottobre 2020
Il cannabidiolo puro, uno dei tanti componenti della cannabis, riduce la frequenza delle crisi epilettiche fino al 54 per cento nei pazienti affetti da Sindrome di Dravet o di Lennox-Gastaut con epilessia farmaco-resistente, ed il suo effetto è riscontrabile anche nel lungo periodo. A presentare questa nuova alternativa al trattamento dell'epilessia sono stati gli esperti che si sono riuniti settimana scorsa in occasione del 43esimo congresso nazionale...
5 Ottobre 2020
In futuro sarà possibile rimediare ai danni che le malattie cardiovascolari infliggono alle nostre arterie, prevenendo eventi letali. Come? Andando a sostituirle con vasi sanguigni elettronici, fatti di metallo e plastica. A metterli a punto è stato Xingyu Jiang della Southern University of Science and Technology di Shenzhen, in Cina, e il suo team di ricerca in uno studio pubblicato sulla rivista Matter. In particolare, i ricercatori hanno creato un...