MENU

Una nuova strategia terapeutica potrebbe riaccendere la speranza dei malati di neuroblastoma, una forma rara di cancro che colpisce principalmente i bambini. Si tratta di un'immunoterapia innovativa che utilizza cellule immunitarie “ingegnerizzate” in laboratorio per attaccare due antigeni presenti sulle cellule tumorali. A metterla a punto e a testarla con successo nei topi è stato un gruppo di ricercatori del Lineberger Comprehensive Cancer Center e della Facoltà di Medicina dell’Università della Carolina del Nord in uno studio pubblicato sulla rivista Nature Cancer.

Il neuroblastoma è un tumore delle cellule nervose e colpisce principalmente i bambini di età inferiore ai sei anni. Nello studio i ricercatori hanno utilizzato le CAR-T, una tecnologia che prevede la raccolta di cellule T del sistema immunitario da un paziente e la loro “ingegnerizzazione” genetica in laboratorio affinché possano riconoscere determinati bersagli sulla superficie delle cellule tumorali quando vengono poi reinfuse nei pazienti. “Le cellule tumorali sono caratterizzate da un’espressione mista di antigeni e abbiamo progettato cellule T a doppio sistema immunitario per massimizzare la loro capacità di impedire ai tumori di sfuggire al rilevamento da parte del sistema immunitario”, ha affermato Hongwei Du, tra gli autori dello studio. Nello specifico, gli scienziati hanno accoppiato il riconoscimento di due antigeni espressi dalle cellule tumorali con la combinazione di due molecole costimolatrici chiave: CD28, una proteina espressa sui linfociti T dopo l’attivazione precoce e 4-1BB, un’importante proteina costimolatrice che è coinvolta nella sopravvivenza delle cellule T e nella formazione della memoria. Sia il CD28 che il 4-1BB hanno dimostrato singolarmente  di essere efficaci negli studi clinici in pazienti con tumori a trasmissione ematica. Tuttavia, la combinazione di co-stimolazione CD28 e 4-1BB sembra essere critica nei tumori solidi. Il nuovo studio ha ora il merito di aver trovato modi diversi per fornire entrambi i segnali in modo efficiente.

Gli scienziati hanno prima analizzato le cellule del neuroblastoma per vedere come rispondevano a un attacco combinato. Dati i risultati positivi degli studi di laboratorio, i ricercatori hanno quindi continuato il loro studio su topi ia cui è stato impiantato con neuroblastoma per vedere come avrebbero risposto alla co-stimolazione da parte delle cellule T modificate CD28 e 4-1BB. Ebbene, le cellule costimolatrici sono state molto efficaci nel ridurre il cancro nei topi. “Sappiamo che alcune terapie CAR-T sono sicure per i pazienti con tumori solidi, ma finora i trattamenti non hanno portato al grado di regressione del tumore che vorremmo vedere”, ha affermato Gianpietro Dotti, MD, professore alla UNC School of Medicine Dipartimento di Microbiologia e Immunologia e co-leader del Programma di Immunologia presso UNC Lineberger. “Alla fine, abbiamo progettato una strategia che affronta contemporaneamente i compiti più impegnativi nei tumori solidi, come la generazione di cellule CAR-T che eliminano rapidamente il tumore e persistono nel controllare la crescita del tumore. Inoltre, il nostro sistema previene la recidiva del tumore”, conclude.

Articoli Correlati