MENU

Debolezza, difficoltà di equilibrio e soprattutto dolore e formicolio ai piedi. Sono questi i segnali principali della neuropatia delle piccole fibre, una patologia che negli ultimi 20 anni colpisce un numero sempre maggiore di persone. Almeno questo è quanto conclude un nuovo studio pubblicato sulla rivista Neurology. Secondo i ricercatori, una maggiore capacità diagnostica ma anche l’aumento dell’obesità potrebbero aver generato il picco di casi negli ultimi decenni. Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche di 94 pazienti con neuropatia delle piccole fibre nella contea di Olmsted, in Minnesota e nelle contee adiacenti per un periodo di 20 anni. Hanno quindi confrontato quelle 94 persone con 282 persone di età e sesso simili che non avevano neuropatia.

I partecipanti sono stati seguiti per una media di sei anni. Lo studio ha rilevato che la condizione si è verificata in 13,3 per 100.000 persone, con un tasso in aumento durante il periodo di studio. “Questo aumento potrebbe essere dovuto in parte a una maggiore consapevolezza”, afferma l’autore dello studio Christopher J. Klein della Mayo Clinic di Rochester, Minnesota, e membro dell’American Academy of Neurology. “Un’altra possibilità è che l’aumento dei livelli di sovrappeso e obesità nella nostra zona potrebbe essere un fattore nei tassi più elevati di neuropatia delle piccole fibre. Un indice di massa corporea più elevato, o BMI, è un fattore di rischio - continua - per il diabete e i trigliceridi alti, che possono anche portare alla neuropatia. Le persone con neuropatia avevano un BMI medio di 30,4, rispetto a 28,5 per le persone che non avevano la malattia. Un BMI compreso tra 18,5 e 24,9 è considerato sano; da 25,0 a 29,9 è considerato sovrappeso e 30.0 e oltre è considerato obeso”.

Circa il 50% delle persone con neuropatia aveva il diabete, rispetto al 22 per cento di quelle senza neuropatia. Le persone con neuropatia avevano anche maggiori probabilità di soffrire di insonnia, all’86 per cento rispetto al 54 per cento di quelle senza neuropatia. Avevano anche maggiori probabilità di avere attacchi di cuore, al 46 per cento rispetto al 27 per cento. “Sulla base di questi risultati, le persone con neuropatia delle piccole fibre dovrebbero essere sottoposte a screening per problemi cardiaci e la loro glicemia dovrebbe essere monitorata per segni di diabete”, sottolinea Klein. Le persone con neuropatia avevano anche maggiori probabilità di assumere oppioidi per il dolore. Per 67 delle persone con neuropatia, non è stato possibile determinare alcuna causa, chiamata neuropatia idiopatica. Per 14 persone, la neuropatia è stata causata dal diabete. Altre cause includevano la sindrome di Sjögren e il lupus. Un totale del 36 per cento delle persone ha sviluppato neuropatia a fibre grandi durante lo studio, in media cinque anni dopo aver sviluppato la versione a fibre piccole. “La buona notizia – conclude Klein – è che la maggior parte delle persone con neuropatia idiopatica non sviluppa gravi menomazioni o disabilità, ma ha molte altre condizioni e un aumentato rischio di infarto, quindi lo sviluppo di trattamenti e metodi di prevenzione è cruciale”.

Articoli Correlati