MENU

Si chiama TWEAK ed è una proteina che danneggia le cellule endoteliali nei pazienti affetti da psoriasi, una malattia autoimmune che si manifesta con chiazze di pelle arrossata e infiammata, eruzioni cutanee e dolore alla cute. TWEAK è un nuovo potenziale bersaglio terapeutico, individuato dagli scienziati de La Jolla Institute for Immunology in uno studio pubblicato sulla rivista Science Immunology. I ricercatori hanno dimostrato che la proteina TWEAK può interagire con i cheratinociti, le cellule più comuni della pelle, e causarne l'infiammazione.

Si stima che siano all'incirca 7,5 milioni gli americani che soffrono di psoriasi, e, sebbene esistano diverse opzioni di trattamento, non tutti i pazienti rispondono allo stesso modo e in molti casi si tratta di un sollievo temporaneo. “Alcune terapie non curano la malattia”, precisa Michael Croft, tra gli autori dello studio. “Se si interrompe la somministrazione farmacologica, nella maggior parte dei casi la malattia si ripresenta”, aggiunge. Secondo gli scienziati, TWEAK potrebbe essere considerata un potenziale bersaglio per il trattamento della psoriasi, suggeriscono gli esperti, perché si unisce ad altre due proteine, chiamate fattore di necrosi tumorale (TNF) e interleuchina-17 (IL-17), per innescare l’infiammazione. I ricercatori hanno utilizzato un modello murino per confrontare l’efficacia di un inibitore TWEAK e una sostanza che contrasta l’attività delle altre due proteine. I risultati suggeriscono che entrambi gli approcci potevano provocare un effetto terapeutico efficace.

“Inibire TWEAK – sottolinea Rinkesh Gupta, altro autore dello studio – è associato a una risposta simile a quella che si verifica per TNF o IL-17. Questo è molto incoraggiante perché gli inibitori di queste due proteine sono bersagli farmacologici approvati dalla Food and Drug Administration (https://www.fda.gov/) per il trattamento della psoriasi”. Aggiunge Croft: “Sembra che TWEAK sia coinvolto nell’infiammazione della pelle in generale. Abbiamo in programma di continuare a studiare questa proteina nella dermatite atopica, o eczema, un’infiammazione della pelle molto comune. Pur essendo molto diversa dalla psoriasi, anche questa malattia non è associata a un percorso terapeutico efficace e universale. C’è ancora un netto margine per migliorare le opzioni di trattamento per le infiammazioni della pelle”.

Articoli Correlati