MENU

CONOSCI I PRINCIPI ATTIVI

 Il principio attivo è il vero cuore del farmaco, la sostanza con il potere terapeutico.
Vuoi sapere quali sono i principi attivi alla base dei medicinali più usati?
In questa sezione puoi trovare tutte le informazioni sui principi attivi utili al trattamento delle patologie più comuni.

 

I testi contenuti in questa sezione sono realizzati da Egualia e sintetizzano le informazioni sui prodotti
contenute nella pubblicazione “L’informatore farmaceutico” CODIFA (Ed. 2014).

Trattamento sintomatico di asma, broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO), compresa bronchite ed enfisema
Sospensione pressurizzata per inalazione 100 mcg

A che cosa serve

Salbutamolo appartiene alla categoria dei farmaci stimolanti i recettori beta2-adrenergici che si trovano nella muscolatura liscia dell’albero respiratorio. Questi farmaci producono il rilassamento della muscolatura liscia delle vie respiratorie e quindi la loro dilatazione. Salbutamolo è un beta2-agonista a breve durata d’azione il che significa che la sua azione insorge rapidamente e dura per un periodo di tempo piuttosto breve (3-6 ore). Questo farmaco si usa per il trattamento sintomatico dell’ostruzione bronchiale che si verifica nell’asma e nella broncopneumopatica cronica ostruttiva (BPCO), compresa la bronchite e l’enfisema.

Quanto ne serve

Salbutamolo deve essere somministrato esclusivamente per via inalatoria. Il dosaggio deve essere stabilito su base individuale.
Negli adulti e nei bambini a partire dai 12 anni di età 1-2 inalazioni, a seconda della necessità. Il dosaggio massimo è di 8 inalazioni al giorno.

Come e quando si prende

Prima di usare per la prima volta salbutamolo, oppure nel caso non sia stato utilizzato per 7 giorni o più, è importante verificare il corretto funzionamento dell’inalatore. Rimuovere il cappuccio protettivo, agitare l’inalatore e spruzzare due volte in aria.
L’inalazione deve essere praticata, laddove possibile, stando seduti o in piedi.
Rimuovere il cappuccio protettivo e controllare sia l’interno sia l’esterno del dispositivo, per accertarsi che il boccaglio sia pulito.
Agitare energicamente l’inalatore per un paio di secondi prima dell’uso.
L’inalatore deve essere impugnato in posizione verticale, con il fondo della bomboletta rivolto verso l’alto.
Il pollice deve essere appoggiato alla base del dispositivo, sotto il boccaglio. Il paziente deve espirare il più possibile, senza però soffiare nel boccaglio.
Collocare il boccaglio in bocca tra i denti, chiudendovi le labbra intorno ma evitando di morderlo.
Un istante dopo aver iniziato l’inspirazione attraverso la bocca, premere la bomboletta per rilasciare lo spruzzo, continuando a inspirare in modo profondo e regolare.
Trattenere il respiro, allontanare l’inalatore dalla bocca e togliere il dito dal fondo della bomboletta.
Trattenere il respiro per circa dieci secondi. Dopo l’uso l’inalatore deve essere sempre richiuso per proteggerlo da polvere e peluria. Rimettere il cappuccio protettivo sul boccaglio saldamente e premere fino a udire lo scatto.
Lo spray deve essere agitato al fine di verificare la quantità di medicinale rimasto nell’inalatore. salbutamolo non deve essere utilizzato se non si avverte la presenza di liquido quando si agita l’inalatore. Se è stato conservato a temperature inferiori a 0°C, riscaldare l’inalatore tenendolo tra le mani per due minuti, poi agitarlo e spruzzare due volte in aria prima dell’uso.

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

I farmaci beta2-agonisti possono provocare una serie di effetti indesiderati i più frequenti dei quali sono tremore dei muscoli scheletrici, tachicardia, palpitazioni, cefalea, iperattività, disturbi del sonno, ipereccitabilità.
Nei casi descritti di seguito salbutamolo deve essere utilizzato con cautela e solo se assolutamente indicato:
gravi disturbi cardiaci, in particolare un infarto miocardico recente; cardiopatia coronarica; cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva e tachiaritmia; ipertensione grave e non trattata; aneurisma; diabete in forma difficile da controllare; feocromocitoma; ipertiroidismo non controllato; ipokaliemia (riduzione del potassio nel sangue) non trattata.
I farmaci beta-bloccanti non selettivi (usati per trattare l’ipertensione arteriosa e alcune aritmie cardiache) possono inibire completamente gli effetti di salbutamolo e quindi non devono essere assunti insieme. Alcuni farmaci antidepressivi (antideporessivi triciclici e inibitori delle monoaminoossidasi) possono aumentare il rischio di effetti indesiderati a livello cardiovascolare.
La sicurezza dell’uso di salbutamolo nelle donne in gravidanza non è stata stabilita, pertanto salbutamolo non deve essere utilizzato durante la gravidanza a meno che non sia assolutamente necessario.