MENU

CONOSCI I PRINCIPI ATTIVI

 Il principio attivo è il vero cuore del farmaco, la sostanza con il potere terapeutico.
Vuoi sapere quali sono i principi attivi alla base dei medicinali più usati?
In questa sezione puoi trovare tutte le informazioni sui principi attivi utili al trattamento delle patologie più comuni.

 

I testi contenuti in questa sezione sono realizzati da Egualia e sintetizzano le informazioni sui prodotti
contenute nella pubblicazione “L’informatore farmaceutico” CODIFA (Ed. 2014).

Trattamento sintomatico della tosse secca.
Sciroppo

A che cosa serve

Il destrometorfano è un farmaco antitussivo che agisce a livello del centro della tosse. Si impiega per il trattamento sintomatico della tosse secca.

Quanto ne serve

Adulti e adolescenti (da 12 a 18 anni): la dose generalmente consigliata varia da 10 mg (un cucchiaino da caffè corrispondente a circa 3 ml) a 20 mg (2 cucchiaini da caffe' corrispondenti complessivamente a circa 6 ml) ogni 6 ore. La dose massima raggiungibile nelle 24 ore è di 80 mg.

Come e quando si prende

Il flacone deve essere conservato ben chiuso, al riparo da fonti di calore. Conservare nella confezione originale per proteggere il medicinale dalla luce.

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

Destrometorfano può indurre sonnolenza, affaticamento, nistagmo, distonia, capogiri, stordimento mentale. E’ possibile l’insorgenza di una sindrome serotoninergica, caratterizzata da: nausea, ipotensione, iperattività neuromuscolare (tremore, spasmo clonico, mioclono, aumento della risposta riflessa e rigidità di origine piramidale), iperattivitaà del sistema nervoso autonomo (sudorazione febbre, tachicardia, tachipnea, midriasi) e stato mentale alterato (agitazione, eccitazione, confusione).
Destrometorfano bromidrato non deve essere usato durante i primi tre mesi di gravidanza.
La somministrazione concomitante di destrometorfano bromidrato con farmaci inibitori delle monoamino ossidasi (MAO) è' controindicata. La somministrazione concomitante di destrometorfano bromidrato con farmaci con un effetto inibitorio sul sistema nervoso centrale quali ipnotici, sedativio ansiolitici, oppure con l'assunzione di alcool, può portare a effetti additivi a carico del sistema nervoso centrale.