MENU

CONOSCI I PRINCIPI ATTIVI

 Il principio attivo è il vero cuore del farmaco, la sostanza con il potere terapeutico.
Vuoi sapere quali sono i principi attivi alla base dei medicinali più usati?
In questa sezione puoi trovare tutte le informazioni sui principi attivi utili al trattamento delle patologie più comuni.

 

I testi contenuti in questa sezione sono realizzati da Egualia e sintetizzano le informazioni sui prodotti
contenute nella pubblicazione “L’informatore farmaceutico” CODIFA (Ed. 2014).

Farmaco essenziale di classe A, erogato gratuitamente al cittadino
Ricetta medica obbligatoria
Collirio da 50 mcg/ml

A che cosa serve

Trattamento della pressione interna dell’occhio in pazienti con glaucoma ad angolo aperto o ipertensione oculare.

Quanto ne serve

Negli adulti la posologia prevista è di 1 goccia di collirio da 50 mcg/ml per 1 volta al giorno.

Come e quando si prende

Per un effetto ottimale, il collirio va applicato la sera. Se si dimentica una dose, si passa direttamente alla successiva, la sera dopo.

Per l’applicazione: lavarsi le mani con acqua e sapone; aprire il flacone al momento dell’uso e istillare le gocce di collirio all’interno della palpebra inferiore (tenendo la testa leggermente reclinata all’indietro), senza toccare le ciglia o l’occhio con l’erogatore. Chiudere l’occhio per 1 minuto, premendo il sacco lacrimale con un dito. Richiudere immediatamente il flacone dopo l’uso, senza toccare l’erogatore con le dita.

Evitare il contatto del collirio con lenti a contatto morbide.

Se è necessario applicare altri farmaci oftalmici nello stesso occhio, attendere 5-15 minuti tra un’applicazione e l’altra.

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

Il collirio a base di Latanoprost è generalmente ben tollerato. Fastidi lievi e transitori comprendono arrossamento e bruciore dell’occhio trattato.

Tra gli effetti collaterali va segnalata la possibile graduale alterazione del colore dell’occhio con aumento della quantità di pigmento marrone dell’iride (fenomeno innocuo, ma permanente). Nei soggetti sensibili, questo effetto in genere si osserva nei primi 8 mesi di trattamento. È, inoltre, possibile che si verifichino variazioni di colore, densità, forma e direzione di crescita delle ciglia, delle sopracciglia e dei peli intorno all’occhio trattato (questi effetti regrediscono interrompendo l’uso del farmaco).

L’impiego di Latanoprost è controindicato nei soggetti ipersensibili al principio attivo o al benzalconio cloruro, in gravidanza e durante l’allattamento.

Latanoprost potrebbe interferire con altri farmaci: per evitare inconvenienti è importante segnalare al medico tutti i medicinali da prescrizione e da banco (OTC), i prodotti fitoterapici e gli integratori che si stanno assumendo o che si vorrebbe utilizzare.