MENU

CONOSCI I PRINCIPI ATTIVI

 Il principio attivo è il vero cuore del farmaco, la sostanza con il potere terapeutico.
Vuoi sapere quali sono i principi attivi alla base dei medicinali più usati?
In questa sezione puoi trovare tutte le informazioni sui principi attivi utili al trattamento delle patologie più comuni.

 

I testi contenuti in questa sezione sono realizzati da Egualia e sintetizzano le informazioni sui prodotti
contenute nella pubblicazione “L’informatore farmaceutico” CODIFA (Ed. 2014).

Farmaco essenziale di classe A, erogato gratuitamente al cittadino
Ricetta medica obbligatoria
Compresse rivestite da 250 e 500 mg

A che cosa serve

Trattamento di infezioni batteriche dell’apparato respiratorio (tranne quelle da pneumococco), delle vie urinarie e del tratto gastrointestinale (compresa la febbre tifoide), delle ossa e delle articolazioni; gonorrea; alcune setticemie.

Quanto ne serve

Nell’adulto le formulazioni per bocca prevedono un dosaggio mediamente variabile da 250 a 750 mg per 2 volte al giorno in relazione al tipo e alla gravità della specifica infezione da trattare.

Come e quando si prende

Si assume con un po' d’acqua, in modo regolare e continuo secondo le indicazioni del medico.

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

Ciprofloxacina è un antibiotico della classe dei chinoloni. Tra i possibili effetti collaterali associati al suo impiego vanno ricordati nausea, vomito, diarrea, malessere addominale, eruzioni cutanee, orticaria, mal di testa e vertigini. Inoltre, possono favorire l’insorgenza di convulsioni, soprattutto se assunti insieme a farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

I chinoloni vanno utilizzati con cautela in chi soffre di epilessia o predisposizione alle convulsioni, miastenia grave, deficit di G6DP, insufficienza renale, nonché in gravidanza e durante l’allattamento.

Il trattamento con chinoloni può causare danni ai tendini (fino alla rottura) ed è controindicato in chi soffre o ha sofferto di patologie tendinee. Inoltre, studi negli animali segnalano la loro possibile azione sfavorevole sulle articolazioni: per tale ragione questa classe di antibiotici non dovrebbe essere utilizzata in bambini e adolescenti (interferenza con l’accrescimento scheletrico).

Durante l’assunzione va evitata l’esposizione alla luce solare intensa (aumento del rischio di eritemi e scottature).

Ciprofloxacina può ridurre la capacità di eseguire attività complesse come la guida dell’automobile o l’uso di macchinari pericolosi. Questo effetto sfavorevole è potenziato dall’assunzione di alcolici durante il trattamento.

I chinoloni possono interferire con numerosi farmaci. Per evitare inconvenienti è importante segnalare al medico tutti i medicinali da prescrizione e da banco (OTC), i prodotti fitoterapici e gli integratori che si stanno assumendo o che si vorrebbe utilizzare.