MENU

CONOSCI I PRINCIPI ATTIVI

 Il principio attivo è il vero cuore del farmaco, la sostanza con il potere terapeutico.
Vuoi sapere quali sono i principi attivi alla base dei medicinali più usati?
In questa sezione puoi trovare tutte le informazioni sui principi attivi utili al trattamento delle patologie più comuni.

I testi contenuti in questa sezione sono realizzati da Egualia sintetizzano le informazioni
desunte dai Riassunti delle Caratteristiche del Prodotto (RCP) e dei Fogli Illustrativi (FI)
aggiornati dei farmaci autorizzati in Italiacontenuti nella Banca Dati AIFA (Agenzia italiana del farmaco).

(ultimo aggiornamento: marzo 2021)

Trattamento sintomatico dell’ansia
Compresse, gocce orali

A che cosa serve

Alprazolam, una benzodiazepina, riduce lo stato di ansia (a basse dosi) e favorisce il sonno (ad alte dosi). Al dosaggio cui viene commercializzato è indicato soprattutto come ansiolitico. Il farmaco non rimuove le cause dell'ansia e dell'insonnia che vanno attentamente valutate.

Quanto ne serve

La dose abituale per gli stati d'ansia generalizzati varia tra 0,25 mg e 0,5 mg tre volte al giorno aumentandola (se necessario) ad intervalli di 3-4 giorni fino ad un massimo di 3 mg/die. Il trattamento può essere effettuato anche utilizzando la confezione in gocce: 10 gocce corrispondono a 0,25 mg di alprazolam, 20 gocce a 0,50 mg.

Come e quando si prende

La durata di un trattamento con benzodiazepine deve essere la più breve possibile dato il rischio di dipendenza che hanno questi farmaci. Di norma la durata non dovrebbe essere superiore a 8–12 settimane compreso un periodo di sospensione graduale.

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

Aprazolam può indurre effetti indesiderati come sonnolenza, confusione, depressione, compromissione della memoria, difficoltà di concentrazione, diminuzione dell’appetito, visione offuscata, stipsi, nausea.
Le benzodiazepine sono controindicate nei pazienti con miastenia grave, insufficienza respiratoria grave, sindrome da apnea nel sonno, insufficienza epatica severa, glaucoma acuto.
Le benzodiazepine producono un effetto additivo quando il medicinale è assunto congiuntamente ad alcool ed altri farmaci che deprimono il SNC. L’assunzione concomitante con alcol deve essere evitata. Può essere considerato l’uso di alprazolam durante la gravidanza, se le indicazioni terapeutiche e la posologia sono strettamente rispettate. Se il trattamento con alprazolam fosse necessario durante l’ultima fase della gravidanza, devono essere evitati alti dosaggi.