MENU

CONOSCI I PRINCIPI ATTIVI

 Il principio attivo è il vero cuore del farmaco, la sostanza con il potere terapeutico.
Vuoi sapere quali sono i principi attivi alla base dei medicinali più usati?
In questa sezione puoi trovare tutte le informazioni sui principi attivi utili al trattamento delle patologie più comuni.

I testi contenuti in questa sezione sono realizzati da Egualia sintetizzano le informazioni
desunte dai Riassunti delle Caratteristiche del Prodotto (RCP) e dei Fogli Illustrativi (FI)
aggiornati dei farmaci autorizzati in Italiacontenuti nella Banca Dati AIFA (Agenzia italiana del farmaco).

(ultimo aggiornamento: marzo 2021)

Trattamento della sindrome ansiosa
Gocce orali

A che cosa serve

La benzodiazepina delorazepam viene utilizzata contro ansia, tensione ed altre manifestazioni somatiche o psichiatriche associate alla sindrome ansiosa e per l’insonnia.

Quanto ne serve

Negli stati di ansia moderati la dose raccomandata è di 13-26 gocce per 2-3 volte al giorno. Nei casi più gravi il dosaggio è compreso tra 26 e 50 gocce per 2-3 volte al giorno. Contro l’insonnia si raccomanda un dosaggio di 13, 26 o 52 gocce. Va ricordato che 13 gocce di delorazepam equivalgono a 0,5 mg.

Come e quando si prende

Le gocce vanno sciolte in un po’ d’acqua. Contro l’ansia, la durata complessiva del trattamento, generalmente, non deve superare le 8-12 settimane, compreso un periodo di sospensione graduale. Nell’insonnia, la durata del trattamento, generalmente, varia da pochi giorni a due settimane, fino ad un massimo di quattro settimane, compreso un periodo di sospensione graduale. Le gocce vanno assunte, in questo caso, circa mezz’ora prima di coricarsi.

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

Delorazepam può indurre effetti indesiderati come confusione, riduzione della vigilanza, ottundimento delle emozioni, sonnolenza, sedazione, talvolta nausea, stipsi, debolezza muscolare. Il farmaco è controindicato in caso di miastenia grave, insufficienza respiratoria grave, sindrome da apnea nel sonno, insufficienza epatica severa, glaucoma acuto. E’ controindicato durante la gravidanza e l’allattamento.
L’assunzione concomitante con alcool va evitata. L’effetto sedativo delle benzodiazepine e dei composti benzodiazepino-simili può essere aumentato quando il medicinale è assunto congiuntamente ad alcool. La conseguente compromissione dello stato di allerta può rendere pericoloso guidare auto e operare su macchinari.
L’effetto depressivo centrale può essere accresciuto nei casi di uso concomitante con antipsicotici (neurolettici), ipnotici, ansiolitici/sedativi, antidepressivi, analgesici narcotici, farmaci antiepilettici, anestetici e antistaminici sedativi.