MENU

CONOSCI I PRINCIPI ATTIVI

 Il principio attivo è il vero cuore del farmaco, la sostanza con il potere terapeutico.
Vuoi sapere quali sono i principi attivi alla base dei medicinali più usati?
In questa sezione puoi trovare tutte le informazioni sui principi attivi utili al trattamento delle patologie più comuni.

I testi contenuti in questa sezione sono realizzati da Egualia sintetizzano le informazioni
desunte dai Riassunti delle Caratteristiche del Prodotto (RCP) e dei Fogli Illustrativi (FI)
aggiornati dei farmaci autorizzati in Italiacontenuti nella Banca Dati AIFA (Agenzia italiana del farmaco).

(ultimo aggiornamento: marzo 2021)

Trattamento a breve termine dell’insonnia
Compresse

A che cosa serve

Lo zolpidem è un farmaco ipnotico (sonnifero) non benzodiazepinico con deboli attività ansiolitiche, miorilassanti e anticonvulsivanti. Si utilizza per il trattamento a breve termine dell’insonnia.

Quanto ne serve

La dose raccomandata giornaliera per gli adulti è di 10 mg. Nei pazienti anziani o debilitati che possono essere particolarmente sensibili agli effetti dello zolpidem si raccomanda una dose di 5 mg. Questa dose può essere aumentata a 10 mg solo nei casi in cui la risposta sia inadeguata e il farmaco sia ben tollerato. La dose totale di zolpidem non deve superare i 10 mg in nessun paziente.

Come e quando si prende

La compresse vanno assunte con un po' d’acqua appena prima di coricarsi. Il trattamento deve essere il più breve possibile. Generalmente la durata del trattamento varia da pochi giorni a due settimane con una durata massima, comprensiva della fase di riduzione progressiva, di quattro settimane.

Effetti indesiderati, controindicazioni, interazioni

Effetti indesiderati comuni sono sonnolenza, assopimento il giorno successivo, ottundimento emotivo, diminuzione della vigilanza, cefalea, stanchezza, amnesia anterograda, vertigini, disturbi gastrointestinali (diarrea, nausea, vomito, dolore addominale).
Il medicinale è controindicato in caso di insufficienza epatica grave, ipersensibilità allo zolpidem o ad uno qualunque degli eccipienti, sindrome da apnea notturna, miastenia grave, insufficienza respiratoria grave e nei bambini e adolescenti al di sotto dei 18 anni. Lo zolpidem non deve essere utilizzato in gravidanza, soprattutto nel primo trimestre e durante l’allattamento.
L’assunzione concomitante di alcool non è raccomandata. L’effetto sedativo può essere accresciuto quando il prodotto è impiegato in combinazione con alcool. Questo influenza la capacità di guidare e di usare macchinari.
Si può verificare un aumento dell’effetto depressorio a carico del sistema nervoso centrale in caso di uso concomitante con antipsicotici (neurolettici), ipnotici, ansiolitici/sedativi, miorilassanti, antidepressivi, analgesici narcotici, antiepilettici, anestetici e antistaminici sedativi